Torino, 18 dicembre 2012

  • Comunicato stampa –

20 dicembre dalle ore 12 alle ore 18.30 in vendita gli oggetti del laboratorio presso gli spazi di Galliano Habitat in via Pietro Micca, 12 a Torino

La creatività come veicolo di salute mentale grazie ad ago, filo, tessuti di scarto e tanta fantasia.

Questi gli ingredienti della prima linea sartoriale del Re(f)Use Lab, primo laboratorio sistemico interattivo che verrà inaugurata domani pomeriggio dalle 12 alle 18, negli spazi esclusivi di Galliano Habitat, in via Pietro Micca 12 a Torino.

Stoffe e fili scartati, stock di magazzino obsoleti, tessuti di campionario destinati all’oblio sono stati reinterpretati, all’insegna dell’up-cycling, in una linea di design esclusiva realizzata attraverso un processo creativo riabilitativo dove nulla si distrugge e tutto si ricrea.

Così grazie al lavoro di persone in percorsi di ri-abilitazione, sarti esperti e designer professionisti drappi e materiali di scarto sono divenuti tovagliette, oggetti per la casa, piccoli bjoux, portachiavi ma anche borse e custodie per l’Ipad e tanti articoli utili nella vita quotidiana e perfetti come doni natalizi originali ed etici.

Il ricavato della vendita verrà interamente utilizzato per pagare gli stylist, ed i sarti che hanno realizzato gli oggetti, e per finanziare ulteriori iniziative che utilizzano la creatività e il recupero come strumento di riabilitazione.

Durante l’inaugurazione verrà presentato a tutte le associazioni piemontesi #GIUSTOPERTE servizio di ascolto, assistenza ed informazione e orientamento alla ‘rete’ dei Servizi socio-sanitari locali.

L’idea di reinventare e riutilizzare gli oggetti come strumenti di cura e salute è di Opereaperte, la prima rete di imprese – tutte piemontesi – in grado di riunire la realtà della riabilitazione (Progetto du Parc di Torre Pellice e Blu Acqua) con l’eccellenza dell’arredamento (Galliano Habitat).